Il tipo di intervento sostiene la diversificazione orientata allo sviluppo di prodotti non agricoli. A titolo esemplificativo e non esaustivo: bioprodotti, biocosmetici, birra, tofu, ecc. Si inserisce, altresì, nell’ottica di avviare filiere tra aziende per tali produzioni, nonché di prevederne la somministrazione nelle strutture agrituristiche (come quota prodotta dall’azienda e non acquistata dall’esterno). Queste opportunità possono risultare fondamentali per l’economia rurale e possono avere effetti positivi anche in chiave di mantenimento e rafforzamento dell'occupazione, nonché per la creazione di nuove imprese. In particolare, l’intervento sostiene la produzione e la commercializzazione di prodotti non ricompresi nell'allegato I, la cui base di partenza preveda l’utilizzo di almeno un prodotto agricolo di origine aziendale.
I beneficiari sono agricoltori o coadiuvanti familiari dell’impresa che diversificano in attività extra-agricole.