Struttura e finalità dell'Osservatorio.

L'Osservatorio del legno ha avuto un primo avvio nel 1999 con finanziamenti europei relativi all'obiettivo 5B con l'intento di realizzare uno strumento in grado di fotografare la situazione del settore legno, strutturarne le informazioni in appositi archivi e formulare dei modelli operativi di sviluppo.

L'Osservatorio del legno è strutturato in una serie di sottoprogetti finalizzati da una parte al completamento della fase pianificatoria già iniziata dalla Direzione centrale delle risorse agricole, naturali e forestali e dall'altra alla raccolta, organizzazione e catalogazione delle principali informazioni e dati inerenti il settore foresta-legno regionale.
Uno degli scopi principali del programma filiera foresta-legno è infatti acquisire i dati relativi al settore a livello regionale ed extraregionale e restituire le informazioni elaborate ai diversi segmenti e soggetti operanti nella filiera mediante l'organizzazione e la costruzione di diversi archivi relativi agli aspetti più importanti.

L'Osservatorio del Legno, realizzato alla fine del 1999, è ora in fase di completa revisione come previsto dalla legge regionale 9/2007 “Norme in materia di risorse forestali”, che riordina l'intero settore, recepisce le nuove esigenze (multifunzionalità delle foreste, protocollo di Kyoto, certificazione e sviluppo sostenibile) ed i progressi conseguiti nella filiera foresta-legno ed in particolare legno-energia.