Per un disabile la pratica regolare dell’attività sportiva riveste i seguenti vantaggi rispetto a:

piano cognitivo: migliore conoscenza del proprio corpo, dello spazio, del tempo e della velocità;
piano fisico: incremento della forza muscolare, della capacità di equilibrio, della cinestesia e di coordinazione motoria grazie alle ripetizioni consapevoli e finalizzate degli atti motori;
piano sportivo: acquisizione delle conoscenze tecniche delle varie discipline sportive, regolamenti e confronti in gara;
piano psicologico: la pratica sportiva produce uno stato di soddisfazione generale, favorisce la disciplina e l’allenamento che di conseguenza portano al contenimento degli stati emotivi incrementando la capacità di autocontrollo;
piano socio-educativo: possibilità di aumentare la propria autonomia. Il soggetto è stimolato alla produzione di atti volontari e finalizzati;
La Regione Friuli Venezia Giulia favorisce la pratica sportiva dei soggetti diversamente dotati con contributi per manifestazioni sportive e l'acquisto di attrezzature specializzate, equipaggiamenti e dei mezzi necessari al trasporto.