Il bilancio regionale di previsione per l’anno 2015 non reca alcuno stanziamento per la concessione dei contributi per la promozione della lingua friulana attraverso programmi televisivi e radiofonici.
Le domande presentate entro il termine del 31 gennaio saranno archiviate. Potranno eventualmente essere istruite, nel caso in cui nel corso dell'esercizio finanziario 2015 siano stanziate a bilancio le relative necessarie risorse.
 

Promozione della lingua friulana attraverso programmi televisivi e radiofonici

A undici anni dall’entrata in vigore della legge regionale n. 15 del 1996, primo provvedimento legislativo che ha riconosciuto ufficialmente il friulano come “lingua” (il riconoscimento statale giungerà soltanto tre anni più tardi con la legge 482 del 1999), la Regione ha voluto intervenire ancora sulla normativa che riguarda la marilenghe.
Così, nel 2007, grazie alla legge regionale n. 29, sono state approvate le nuove “Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana”. Si è considerato con norme specifiche anche il settore dei mezzi di comunicazione, e della radio e televisione in particolare.
L’articolo 20 della legge, commi 2 e 3, stabilisce infatti che la Regione sostiene, rispettivamente nel settore televisivo e in quello radiofonico, la produzione e l’emissione di programmi in lingua friulana. Al fine poi di dare attuazione a tali norme, è stato redatto il “ Regolamento per la concessione dei contributi per la promozione della lingua friulana attraverso programmi televisivi e radiofonici di cui all’articolo 20 della legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 (Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana)”, emanato con DPReg. n. 0279/Pres. del 25 novembre 2011 pubblicato sul I° Supplemento ordinario n. 24 del 30 novembre 2011 al Bollettino Ufficiale della Regione n. 48 del 30 novembre 2011.

Promozion de lenghe furlane traviers di programs televisîfs e radiofonics

Daspò undis agns de jentrade in vore de leç regjonâl n. 15 dal 1996, prin at legjislatîf che al à ricognossût in mût uficiâl il furlan tant che “lenghe” (il ricognossiment dal Stât al rivarà dome trê agns dopo cu la leç 482 dal 1999), la Regjon e à volût meti man une altre volte su la normative che e interesse la marilenghe.
Si che, dal 2007, cu la leç regjonâl n. 29, a son stadis fatis buinis lis gnovis “Normis pe tutele, valorizazion e promozion de lenghe furlane”. Si à vût tignût cont cun normis di pueste ancje dal setôr dai mieçs di comunicazion, e de radio e television in particolâr.
Cun di fat, l’articul 20 de leç, comis 2 e 3, al stabilìs che la Regjon e poie, sei tal cjamp televisîf sei ta chel radiofonic, la produzion e la trasmission di programs par furlan. Po dopo, par che chestis normis a vessin efiet, al è stât metût jù il “Regolament pe concession dai contribûts pe promozion de lenghe furlane traviers programs televisîfs e radiofonics daûr dal articul 20 de leç regjonâl dai 18 di Dicembar dal 2007, n. 29 (Normis pe tutele, valorizazion e promozion de lenghe furlane)”, dât fûr cun DPReg. n. 0279/Pres. dai 25 di Novembar dal 2011 publicât sul In Suplement ordenari n. 24 dai 30 di Novembar dal 2011 al Boletin Uficiâl de Regjon n. 48 dai 30 di Novembar dal 2011.