La vigilanza in materia di sicurezza sul lavoro nel settore minerario è regolata da una specifica normativa la cui applicazione rientra nelle competenze regionali. Al fine di svolgere tali funzioni è stato istituito l'Ufficio per le attività minerarie e le risorse geotermiche, attualmente confluito nella Posizione Organizzativa Attività e Risorse Minerarie del Servizio geologico della Direzione centrale difesa dell’ambiente, energia e sviluppo sostenibile.

 L'attività di vigilanza consiste nel controllo dell'applicazione delle norme di prevenzione degli infortuni e dell'igiene sul lavoro presso le varie attività minerarie presenti sul territorio regionale e si esplica con i controlli amministrativi in ordine all’applicazione delle norme di polizia Mineraria nonché con l'effettuazione di sopralluoghi nelle miniere, nelle cave e negli impianti connessi, nelle aree in cui vigono permessi di ricerca, concessioni per lo sfruttamento delle risorse geotermiche e delle acque minerali e termali.

L’ufficio attività e risorse minerarie si occupa, inoltre delle indagini sugli infortuni nelle attività minerarie e svolge accertamenti diversi su segnalazione di privati e delle Forze dell’Ordine per eventi particolari sempre legati alle attività estrattive, è competente in merito alle verifiche annuali dei mezzi di sollevamento, alle verifiche biennali degli impianti di messa a terra e all’esame delle pratiche sia tecniche che amministrative legate all’impiego di esplosivo.

Approva e valuta i programmi dei lavori riguardanti le perforazioni, le concessioni e le ricerche minerarie.

L’Ufficio svolge inoltre un’attività informativa nei confronti degli addetti ai lavori relativamente alle norme sulla sicurezza  attraverso una serie di incontri organizzati o promossi dall’Ufficio stesso.