L'atlante fotografico degli ambiti paesaggistici rappresenta uno strumento di conoscenza delle varie identità territoriali della nostra Regione ed offre un quadro generale dello stato dei luoghi con indicazione schematica delle principali dinamiche trasformative in atto.
Il documento oltre ad essere un punto di  partenza per ricognizioni paesaggistiche  più dettagliate, intende promuovere e condividere il riconoscimento degli aspetti identitari e rappresentativi dei luoghi in forma aperta e compartecipata.
Nato da un'attività iniziata sulla base  di un'intesa interistituzionale dd 22/11/2006 fra MIBAC, MATTM e Regione Autonoma FVG per l'ottenimento della valenza paesaggistica,  si è sviluppato su una serie di analisi  ricognitive ed una  prima proposta di Ambiti Paesaggistici ai sensi D.Lgs 42/2004. ( in particolare dell'art. 135 e 143).
Lo studio,  in origine supportato da una campagna di sopralluoghi  documentati da rilievi fotografici per opera del gruppo di lavoro del Servizio tutela beni paesaggistici Regionale assieme ai funzionari delle Soprintendenze territorialmente competenti del MIBAC, fu  successivamente raccolto, rielaborato ed  integrato dal Dipartimento di Progettazione Architettonica e Urbana dell'UNI.TS. con un apposito incarico del 2008 che portò alla stesura finale  dell'Atlante.
L'analisi finalizzata alla pianificazione paesaggistica ai sensi del D.Lgs  42/2004 fatta attraverso la delimitazione di 34 Ambiti Paesaggistici (AP), aree territoriali dai caratteri omogenei,  evidenzia gli aspetti caratteristici e peculiari di tutto il territorio regionale mediante la rappresentazione grafica e schematica di:
- identificazione dell'ambito paesaggistico
- caratteri strutturali generali dell'ambito
- caratteri storici
- valori paesaggistici e fattori di rischio
L'individuazione ed il riconoscimento dei fattori paesaggistici rappresenta il primo passo per la predisposizione di future forme di indirizzo,  tutela e valorizzazione delle risorse paesaggistiche individuate .
L'elaborato, reso visibile e scaricabile,  si presenta di lettura rapida e immediata per il suo contenuto principalmente grafico e  sintetico, documentando uno stato dei luoghi  aggiornato al 2008.
Dal rilevamento emerge la grande varietà dei caratteri paesaggistici  regionali da riconoscere come risorsa potenziale oltre che rappresentare volto e immagine del nostro territorio.
La lettura dei dati territoriali  ha come sfondo il riferimento della carta militare topografico-geometrica  del Ducato di Venezia redatta tra il 1798 e il 1805 Topographisch-geometrische Kriegskarte von dem Herzogthum Venedig che consente una lettura  storica  in una fase temporale precedente alle grandi trasformazioni insediative del secolo scorso.