Con il Dlgs n. 182 del 24 giugno 2003 l’Italia ha recepito la direttiva comunitaria 2000/59/CE relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico.
Obiettivo del decreto è ridurre gli scarichi in mare, in particolare quelli illeciti, dei rifiuti e dei residui del carico prodotti dalle navi che utilizzano porti situati nel territorio dello Stato, nonché di migliorare la disponibilità e l’utilizzo degli impianti portuali di raccolta per i suddetti rifiuti e residui.
In particolare, ai sensi dell’art. 5 del Dlgs n. 182/2003, relativamente ai porti dello Stato in cui è competente l’Autorità portuale, la stessa Autorità è tenuta, previa consultazione delle parti interessate e, in particolare, degli enti locali, dell’ufficio di sanità marittima e degli operatori dello scalo, ad elaborare un Piano di raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico.
L’Autorità portuale è tenuta altresì a dare immediata comunicazione del Piano alla Regione competente per territorio che valuta ed approva lo stesso piano, integrandolo, per gli aspetti relativi alla gestione, con il piano regionale di gestione dei rifiuti di cui all’art. 22 del decreto legislativo n. 22/97 (abrogato dall’art. 264, comma 1, lettera i) del Dlgs n. 152/2006 e sostituito nel merito dall’art. 199 del medesimo decreto legislativo).

Nei porti in cui l’Autorità competente è l’Autorità marittima, le prescrizioni di cui al comma 1 del medesimo articolo 5 sono adottate, d’intesa con la regione competente, con ordinanza che costituisce piano di raccolta. In tali porti spetta alla regione provvedere anche alla predisposizione dello studio di cui al comma 2 dell’articolo 5 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, nonché alla acquisizione di ogni altra valutazione di compatibilità ambientale inerente al piano di raccolta
I Piani di cui trattasi devono essere predisposti sulla base delle prescrizioni contenute nell’allegato I al citato Dlgs n. 182/2003
 
    
Ufficio Circondariale marittimo di Grado
Ufficio Circondariale marittimo di Porto Nogaro
Capitaneria di Porto di Trieste
Autorità Portuale di Trieste