la Regione dalla A alla Z Chiudi

La Regione a Bruxelles

Tue Aug 21 08:00:00 CEST 2018

Sviluppo sostenibile: in progresso

Bruxelles, 21 agosto 2018 - Nel 2012 alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile di Rio de Janeiro sono stati definiti gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG), ossia una serie di obiettivi universali per rispondere alle emergenti sfide ambientali, politiche ed economiche di un mondo globalizzato, sostituendo i precedenti Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM) fissati nel 2000 .

Per 15 anni, gli OSM hanno consentito di compiere progressi in diversi settori importanti: ridurre la povertà di reddito, fornire l'accesso necessario all'acqua e alle strutture igienico-sanitarie, ridurre la mortalità infantile e migliorare la salute materna. Questi hanno inoltre dato il via a un movimento globale per la libera istruzione primaria, ispirando i Paesi a investire nelle generazioni future. Grazie all’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, attori pubblici, privati e società civile si impegnano ad avviare politiche efficaci per un modello di sviluppo economico e sociale sostenibile e responsabile. 

Tale slancio verso il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile è particolarmente accolto da parte del settore privato, in quanto le aziende sviluppano metodi di misurazione del proprio impatto di sostenibilità ed investono per una trasformazione del modello di sviluppo che tenga conto degli indicatori di sviluppo sostenibile. I settori su cui gli enti privati e gli imprenditori possono puntare maggiormente in questo senso, sono nel campo dell’innovazione e della tecnologia, la digitalizzazione, l’azione di adattamento e mitigazione ai cambiamenti climatici e l’applicazione del modello di sviluppo sostenibile su scala locale, partendo dalle città in primis.