Le finalità

Coordinare il sistema turistico attualmente troppo frammentato per migliorare l’accoglienza del turista e la riconoscibilità dell’offerta regionale. Allargare il bacino di clientela per incrementare gli arrivi e le permanenze sia differenziando l’offerta che utilizzando strumenti informatici e di programmazione economica.

Le azioni strategiche

Note illustrative dell’attuale fase di monitoraggio delle azioni del Piano

Nell’attuale fase di consuntivazione sono stati rendicontati gli interventi relativi agli anni 2014, 2015 e 2016, ovvero gli interventi già avviati che si concluderanno in annualità successive. La data di riferimento dell’ultimo monitoraggio è il 31 dicembre 2016. Nel caso di azione comprendente più interventi, il commento relativo all’azione è il risultato della sintesi degli interventi che la compongono. Per ogni azione viene indicato sinteticamente lo stato di realizzazione corredato da brevi note esplicative. Le singole azioni strategiche vengono presentate con i tradizionali cruscotti direzionali secondo le seguenti modalità:
- nel caso di azione i cui interventi sono stati ultimati ovvero sono in avanzata fase di realizzazione, la lancetta del cruscotto direzionale è posizionata sulla parte verde;
- nel caso di azione in corso di svolgimento senza ritardi o criticità, la lancetta del cruscotto direzionale è posizionata sulla parte gialla;
- nel caso di azione in ritardo o che riscontra particolari criticità, la lancetta del cruscotto direzionale è posizionata sulla parte rossa;
- l’azione che verrà avviata in annualità successive o in fase di avviamento per motivi di tempistica è colorata di grigio. Sono altresì grigie le azioni che sono state riprogrammate (ossia gli interventi che le componevano sono stati spostati in altre azione oppure non verranno svolti per cambiamenti esterni all'Amministrazione regionale: cambiamenti normativi, modifiche delle strategie politiche, attività delegate ad altro Ente, ecc.) o di cui è stata già richiesta la riprogrammazione.
 

 

azione note stato
Ridefinire le competenze strategiche del Servizio turismo Azione realizzata nei precedenti anni della legislatura completata
Ottimizzare la struttura dell’Agenzia Turismo Azione realizzata nei precedenti anni della legislatura completata
Incrementare l’uso degli strumenti informatici e web Azione con criticità Azione con criticità
Promuovere in modo unitario e coordinato il FVG come destinazione turistica Azione completata in fase di ultimazione
Programmare l'utilizzo di investimenti strutturali e di incentivi per migliorare i servizi e le attrezzature turistiche Azione non iniziata. Richiesta riprogrammazione Azione non iniziata
Differenziare l’offerta turistica in base ai diversi target di interesse della clientela Azione completata completata
Rivedere i regolamenti per l’assegnazione dei contributi con forti criteri selettivi Azione realizzata nei precedenti anni della legislatura completata
Rivedere gli accordi con i vettori che operano nell’aeroporto di Ronchi dei Legionari Azione realizzata nei precedenti anni della legislatura completata
Incentivare il sistema turistico all’adesione a standard di qualità ambientale Azione non iniziata. Richiesta riprogrammazione non ancora iniziata
Ridefinire le funzioni e le condizioni operative della società Promotur  Azione realizzata nei precedenti anni della legislatura completata
Procedura di fusione tra Agenzia Turismo FVG e Agenzia Regionale Promotur Azione realizzata nei precedenti anni della legislatura completata
Ridefinire l’assetto dei soggetti di area pubblica che operano nel settore turistico Azione realizzata nei precedenti anni della legislatura completata
Valorizzazione dell’offerta agrituristica Azione completata in fase di realizzazione

 

Strutture organizzative interessate

Il contesto

Nel 2016 gli arrivi turistici in FVG sono stati 2.323.223, in crescita del 6,5% rispetto al 2015. I pernottamenti sono invece stati 8.295.296, oltre 380 mila in più dell’anno precedente (+4,8%). La componente turistica straniera rappresenta il 52% degli arrivi e il 56% delle presenze, quote in costante crescita grazie al più elevato incremento di arrivi e pernottamenti di turisti stranieri (rispettivamente +8,5% e +7,9%) rispetto ai turisti italiani (+4,5% e +1,2%).
L’offerta di strutture ricettive si è ulteriormente ampliata (+1,1% dei posti letto); nel settore alberghiero è aumentata la capacità ricettiva di fascia medio alta (+3,8% i posti letto degli alberghi 4-5 stelle) mentre si è ridotta negli alloggi a stellaggi inferiori. In continuo aumento l’offerta degli alloggi agroturistici (+1,1% nei posti letto) e dei B&B (+7,3%).
I primi tre mesi dell’anno registrano un calo di arrivi e presenze in regione, rispettivamente -1,1% e -2,7%. Sull’andamento pesa, però, la diversa collocazione della Pasqua: il 27 marzo nel 2016 e il 16 aprile nel 2017. In crescita i pernottamenti nelle località montane della regione, in particolare a Tarvisio (+6,8%) ad Aviano (+4,0%), Forni Avoltri (+5,9%) e Ravascletto (+1,2%).