Il Piano della prestazione definisce gli obiettivi dell’Amministrazione regionale per l’anno 2018.

Il documento, che trae origine dal Programma di governo e dal Piano strategico, viene aggiornato annualmente ed è strutturato in tre parti.

Nella prima parte si presenta il contesto in cui la Regione opera tramite una breve analisi socioeconomica e una sintetica rappresentazione dell’organizzazione, delle risorse umane e finanziarie.

La seconda parte spiega la strategia della Regione, articolata in sei priorità strategiche, a loro volta suddivise in obiettivi strategici.

La programmazione in dettaglio della prestazione regionale annuale è l’argomento della terza parte e trae fonte dal Documento di Economia e Finanza Regionale (DEFR) e dalla sua Nota di Aggiornamento approvata dalla Giunta regionale il 14 novembre 2017 e dal Consiglio regionale il 13 dicembre 2017.

Il DEFR e la Nota di aggiornamento hanno già definito le linee di programmazione annuale di Priorità e Obiettivi strategici della Regione. Nel piano della prestazione le linee di programmazione così definite sono tradotte in interventi operativi.

Nel Piano gli obiettivi strategici sono suddivisi in azioni strategiche con il fine di realizzare lo sviluppo e il benessere socioeconomico del territorio. Ad esse si affiancano le azioni di miglioramento, tese a migliorare l’efficienza interna dell’Amministrazione regionale, e gli obiettivi aziendali, intesi come azioni trasversali a più strutture dell’Amministrazione, volte alla semplificazione o all’applicazione dell’agenda digitale.
I singoli interventi in cui si dettagliano le azioni strategiche, di miglioramento e gli obiettivi aziendali rappresentano i singoli obiettivi del personale regionale e riportano l’indicazione del responsabile, i tempi previsti per l’attuazione, i risultati attesi e gli indicatori per misurarne efficacia ed efficienza.

Nel Piano 2018 sono presenti 815 obiettivi complessivi e 319 responsabili individuati tra Direttori centrali, Vice direttori centrali, Direttori di servizio, Direttori di staff e titolari di Posizione organizzativa. Nel Piano sono allegate tutte le schede obiettivi e, come negli anni precedenti, anche i 4 Piani degli Enti regionali che fanno parte del complessivo sistema della performance regionale.