Attenzione: la pagina è in corso di revisione per adeguarla a quanto previsto dal Decreto legislativo 33/2013 "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni".

Normativa di riferimento

L'esercizio del diritto di accesso ai documenti dell'Amministrazione regionale, degli Enti regionali e degli Enti strumentali, è disciplinato dalle disposizioni contenute nel Titolo IV della legge regionale 20 marzo 2000, n. 7 Per quanto non previsto dalla citata normativa regionale ed in quanto compatibili, si applicano le disposizioni della L. 7 agosto 1990, n. 241 e del D.P.R. 27 giugno 1992, n. 352.

Ritorna all'indice

Criteri e modalità di esercizio del diritto di accesso

Premesso che il diritto di accesso si sostanzia nella facoltà di prendere visione, nonché di estrarre copia dei documenti amministrativi, si considera documento amministrativo ogni rappresentazione grafica di atti formali, anche interni, formati dalla Regione o dalla stessa utilizzati ai fini dell'attività amministrativa. L'accesso può essere esercitato da chiunque abbia un interesse personale, qualificato, concreto ed attuale alla conoscenza dei documenti amministrativi. La richiesta di accesso deve essere rivolta, in modo informale ovvero formale, alla struttura che è competente a formare l'atto conclusivo o a detenerlo stabilmente.
L'accesso informale si esercita formulando una richiesta, anche verbale, all'ufficio competente, alla quale segue l'accoglimento immediato della stessa. Ove l'accoglimento immediato della richiesta informale non sia possibile, il richiedente è invitato contestualmente a presentare una richiesta formale.
La richiesta deve contenere:
1.    l'indicazione dell'identità del richiedente e, ove occorra, dei poteri rappresentativi;
2.    gli estremi del documento oggetto della richiesta, ovvero gli elementi che ne consentano l'individuazione;
3.    la motivazione che giustifica la richiesta di accesso nel caso in cui i dati contenuti negli atti richiesti riguardino la vita privata o la riservatezza di persone fisiche, persone giuridiche, gruppi, imprese ed associazioni. La richiesta formale va presentata in carta semplice. L'ufficio competente provvede a rilasciare apposita ricevuta.
I dati personali acquisiti verranno trattati nel rispetto delle prescrizioni stabilite dalla L. 31 dicembre 1996, n. 675 e successive modifiche ed integrazioni.

Ritorna all'indice

Termine del procedimento di accesso

La richiesta di accesso viene evasa nel termine di trenta giorni decorrenti dalla presentazione all'ufficio competente.
Nel caso di irregolarità o incompletezza della domanda, l'ufficio provvede, entro dieci giorni, a richiedere, con raccomandata a/r o altro mezzo idoneo, le regolarizzazioni o le integrazioni necessarie.
In tal caso il suddetto termine decorre dalla presentazione della richiesta perfezionata.
Viene data comunicazione scritta all'interessato anche qualora la richiesta di accesso venga inviata per competenza ad altro ufficio.

Ritorna all'indice

Accoglimento della richiesta di accesso

L'autorizzazione all'accesso indica l'ufficio presso cui rivolgersi, nonché il periodo di tempo, non inferiore ai quindici giorni, per prendere visione dei documenti.
L'esame dei documenti è gratuito.
Il rilascio di copia è subordinato, salve le disposizioni vigenti in materia di bollo, al rimborso del costo di riproduzione fissato con Decreto n.048/Pres. del 20 febbraio 2002, come segue:
- formato cm 21 x 29,7 o formato inferiore, in bianco e nero     euro 0,15 a facciata
- formato cm 21 x 29,7 o formato inferiore, a colori    euro 0,50 a facciata
- formato cm 29,7 x 42 in bianco e nero    euro 0,30 a facciata
- formato cm 29,7 x 42 a colori    euro 1,00 a facciata
- formati superiori    euro 2,5 al mq,
con un minimo di 1 mq
Il rimborso del costo di riproduzione è dovuto solo per importi superiori a euro 1,50.
Il rilascio di copia ad Amministrazioni pubbliche è gratuito.

Ritorna all'indice

Differimento della richiesta di accesso

Nel caso sia necessario assicurare temporanea tutela alla riservatezza di terzi, persone, gruppi ed imprese, ovvero per salvaguardare esigenze di riservatezza dell'Amministrazione, il responsabile del procedimento, con atto motivato, dispone il differimento dell'accesso richiesto in via formale, indicandone la durata.

Ritorna all'indice

Non accoglimento della richiesta di accesso

Laddove i documenti oggetto della richiesta di accesso riguardino la vita privata o la riservatezza di persone fisiche, persone giuridiche, gruppi, imprese e associazioni, il responsabile del procedimento, su determinazione motivata del Direttore regionale, Direttore di Ente o Direttore di Servizio, dispone il rifiuto o la limitazione dell'accesso richiesto.
Tuttavia la visione dei suddetti documenti è comunque garantita ai richiedenti quand'è necessaria per curare o difendere i loro interessi giuridici. Le informazioni contenute negli atti in visione non potranno essere divulgate.
In tali casi l'ufficio competente provvederà a comunicare l'avvio del procedimento di accesso ai soggetti controinteressati titolari degli interessi cui i documenti si riferiscono.

Ritorna all'indice

Richieste di accesso di portatori di interesse pubblici e diffusi

Le disposizioni sul diritto di accesso si applicano anche alle Amministrazioni pubbliche, alle associazioni e comitati portatori di interessi pubblici o diffusi.

Ritorna all'indice

Pubblicità degli atti

L'Amministrazione e gli Enti regionali divulgano, mediante idonee pubblicazioni, gli atti a carattere generale in ordine all'organizzazione, alle funzioni, agli obiettivi ovvero all'interpretazione di norme giuridiche o alle disposizioni per l'applicazione di esse. Provvedono altresì a rendere pubbliche le proprie deliberazioni formali. Oltre a ciò, l'Amministrazione regionale dispone la divulgazione del Bollettino Ufficiale della Regione e ogni altro documento che ritenga opportuno mediante strumenti informatici e telematici. I testi degli atti così divulgati non ha valore legale.

Ritorna all'indice

Accesso agli atti del Consiglio regionale

Il diritto di accesso è consentito per i documenti concernenti l'attività legislativa e i resoconti delle sedute del Consiglio regionale secondo la disciplina predetta. Tuttavia non trovano applicazione le disposizioni riguardanti il responsabile ed il termine del procedimento, nonché quelle relative al differimento o non accoglimento della richiesta di accesso. Il rilascio di copia di tali atti è gratuito.

Ritorna all'indice